martedì 3 dicembre 2013

I Kastanienherzen (cuori di castagna)


E' appena passato il periodo delle castagne e quest'anno mi sono davvero sbizzarrita con uno dei miei dolci preferiti autunnali tipici altoatesini: i Cuori di castagna (o in deutsch Kastanienherzen). Ho trovato in un panificio a Bolzano (Franziskaner) la purea di castagne già pronta quindi non potevo fare a meno di provare a crearli. Ovviamente se non siete di Bolzano e non trovate la purea potete farla a casa...un po' più impegnativo ma fattibile!

Ingredienti (Per 8 cuori grandi)

1/2 chilo di purea di castagne (oppure 1 kg di castagne dell'Alto Adige, 200 g di zucchero a velo) 
200 g di cioccolato amaro da copertura 
200 ml di panna fresca 
2 cucchiai di zucchero
Volendo si può aggiungere un goccio di rum (ma non per bambini) ed un pizzico di vaniglia in bacche.

Procedimento:
Se non avete la purea già fatta, gettate le castagne appena raccolte con la buccia in acqua bollente, e lasciatele cuocere per ca. 40 minuti a fuoco lento. Poi tagliate a metà le castagne in senso perpendicolare e con un cucchiaino estraete la polpa, che metterete in uno schiacciapatate ottenendo una purea di castagne. Aggiungete lo zucchero a velo e la vaniglia e impastate per bene (se volete aggiungete il rum) fino ad ottenere una massa malleabile. 
Adesso formate i vostri otto cuori (tenendo da sorte un po' di purea per il finale) e fateli raffreddare finché non diventano solidi (se utilizzate la purea non serve farli raffreddare sono già pronti).
Nel frattempo fate sciogliere il cioccolato a bagnomaria in un pentolino. Poi, aiutandovi con una forchettina, immergete delicatamente i cuori di castagna con la punta in avanti nel cioccolato fuso, lasciando libero il bordo superiore. Quindi mettete i cuori ad asciugare su un foglio di carta da forno. Quando il cioccolato diventa solido, togliete con cautela un po' di purea di castagne dalla parte superiore dei cuori creando un incavo.

Montate la panna con un po' di zucchero e mettetela in una tasca da pasticciere con bocchetta a stella, quindi riempite di panna i cuori di castagna fino a formare una bella corona. Dopodiché mettete altra purea in uno schiacciapatate e fatene uscire un po' sulla panna appena messa.

Suggerimento: è possibile anche surgelare i cuori di cioccolata e riempirli di panna poco prima di servirli.

martedì 29 ottobre 2013

La torta di Battesimo e la crema pasticcera al cioccolato


E anche il secondo Battesimo della mia cucciolotta é arrivato! Non potevo di certo fare uno sgarbo alla mia piccola Sofia e non fare la torta che avevo fatto al Battesimo del fratellino e così tra una poppata e l'altra mi sono imbarcata in questa nuova avventura...una torta a 4 piani. La pazienza è stata tanta, ma il tutto è stato ripagato visto che gli invitati si sono leccati i baffi! Questa volta ho preparato il pan di spagna semplice e quello al cioccolato ripieni di crema pasticcera tradizionale e di crema pasticcera al cioccolato, ovviamente per le due creme mi sono ispirata al mitico Montersino. Ora vi svelerò appunto la sua crema pasticcera al cioccolato!

Ingredienti:

900 g latte intero;
100 g panna fresca;
250 g tuorli;
200 g zucchero semolato;
40 g amido di mais;
50 g cacao amaro;
150 g cioccolato fondente
100 g burro

Procedimento:
Come primo passaggio, portare a bollore il latte con la panna in un pentolino. Nel frattempo, montare con la frusta i tuorli e lo zucchero, fino ad ottenere una consistenza spumosa;  incorporare sempre montando, l'amido, il cacao e il cioccolato. E' fondamentale per la riuscita della ricetta far incorporare al composto più aria possibile, perché quando lo andremo a versare dovrà galleggiare, essendo più leggero, sul latte bollente.Versare il composto sul latte in ebollizione, quando sui bordi del pentolino il latte avrà ripreso a bollire e anche al centro si formeranno come dei piccoli vulcani, amalgamare con la frusta e aggiungere il burro. In pochi secondi la crema sarà già densa e non ci sarà alcun pericolo che si attacchi sul fondo del pentolino proprio perché sul fondo c'era solo il latte, mentre l'uovo con lo zucchero sono rimasti fino alla fine in superficie. Togliere dal fuoco la crema e fare in modo che si raffreddi il più velocemente possibile in frigo, è importante non lasciarla mai raffreddare nel pentolino dove è stata cotta perché la crema è facilmente deperibile ed ha bisogno di essere conservata in modo accurato. Sistemare la crema in una teglia pulita e igienizzata con l'alcol alimentare, coprire con la pellicola a contatto con la crema per evitare che formi la pellicina e conservare in frigo per 3 o 4 giorni al massimo.

martedì 30 luglio 2013

La torta di Peppa Pig e il Pan di Spagna semplificato


Vista la passione sfrenata di mio figlio per Peppa Pig (ma quale messaggio subliminale lanceranno in questo cartone animato per stregare i bimbi?), per i suoi due anni non potevo che armarmi di pazienza e creare tutti i personaggi di Peppa che saltavano nella pozzanghera di fango...direi missione compiuta...dovevate vedere la faccia del mio piccolo quando l'ha vista! Per di più ci siamo anche travestiti da mamma e papà pig! Che ridere! Per l'occasione ho creato una torta di pan di Spagna con crema pasticcera e crema chantilly...delizia! Per l'occasione vi scrivo la ricetta del pan di Spagna isn una teglia tonda diametro 20, io l'ho fatta molto più grande  e quadrata (35*30) e ho moltiplicato gli ingredienti per 3!
Ingredienti pan di spagna tondo da 20
3 uova
75 g di farina
50 g di maizena
6 cucchiai di zucchero
1 bustina di vanillina
1/2 bustina di lievito
Procedimento:
Montare le chiare con 2 cucchiai di zucchero. Montare i tuorli con 3 cucchiai di acqua bollente e 4 cucchiai di zucchero e la vanillina. Unire gli albumi ai rossi e poi la farina, la maizena e il lievito e mescolare dal basso verso l'alto con un mestolo. Infornare per 35 min a 165 gradi.

lunedì 22 luglio 2013

Arrosto di manzo



Una cosa è certa: non ė la stagione per accendere il forno, ma se ho voglia di un bel l'arrosto d'estate non ė mica colpa mia :-)! Insomma alla fine ho acceso il forno la mattina e non é stata così una tragedia! Un bel pezzo di manzo bio dell'Alto Adige dovevo pur cucinarlo a dovere! Ho fatto mangiare anche tutti i miei familiari...nemmeno dire quanto erano contenti. Il tutto accompagnato da una bella porzione di patate al forno...slurp!

Ingredienti:

1kg minimo di Muscolo di Manzo
2 Cipolle
2 Carote
2 gambi di Sedano
Rosmarino
Olio Extravergine di buona qualità
Sale e pepe

Procedimento:
Iniziate a scaldare il forno al massimo, diciamo 250°, nel frattempo lavate le verdure e tagliatele a 
pezzetoni, e spargetele in un solo strato nella teglia. Legate la carne insieme a qualche rametto di rosmarino, ungete per bene la carne con l'olio e massaggiatela con sale e pepe. Adagiate la carne sopra le verdure. Fate cuocere per circa un'ora.  Togliete l'arrosto e avvolgetelo a riposare in un foglio di alluminio (il riposo ridistribuisce i succhi e rende la carne morbida).
Prepariamo il sughetto:
Un cucchiaio di Farina 00
- Mezzo bicchiere di vino rosso (bono mi raccomando)
- Mezzo litro di brodo 
Mettete il tutto in una padella insieme a un cucchiaio di farina. Schiacciate per bene le verdurine, non importa se restano grosse o ci son grumi. Un buon mezzo bicchiere di vino rosso. Quando la parte alcolica è evaporata aggiungete mezzo litro di brodo. Mentre lasciate ridurre il sughetto, occupatevi della carne, liberatela dallo spago e tagliatela a fette abbastanza sottili. Quando il sughetto ė pronto (assaggiate se serve aggiungete anche un pizzico di sale) filtratelo e aggiungetelo alla carne.

mercoledì 26 giugno 2013

Ciambella ricotta e pere


Per la festa dell'asilo del mio piccoletto ogni mamma doveva preparare un dolce da portare e visto che in frigo avevo sia la ricotta che le pere ovviamente non potevo che preparare questa deliziosa ciambella che ai bimbi piace di solito un bel po'! Non vi dico quante delizie c'erano alla festicciola...ci siamo fatti una bella scorpacciata!

Ingredienti:
200 g di farina 
4 pere
1 essenza naturale di vaniglia
140 ml di latte
50 g frumina
250 g ricotta di mucca
3 uova
400 g zucchero
40 ml olio di semi di arachide
1 bustina di lievito vanigliato

Procedimento:
In una terrina mescolate con una frusta le uova con 200 grammi di zucchero fino ad ottenere una crema. Aggiungete quindi la ricotta e amalgamate bene rompendo eventuali grumi. Lavorate l'impasto, versate a filo l'olio, la farina e la frumina setacciati con il lievito intervallati dal latte e l'essenza di vaniglia; ultimate aggiungendo una pera a dadini all'impasto ottenuto. Preparate il caramello: in un pentolino in acciaio fate fondere lo zucchero avanzato con un paio di cucchiai di acqua e quando dorato mettetelo subito sul fondo di una tortiera rivestita di carta da forno: sbucciate la pera rimasta, privatela del torsolo, tagliatela a fettine sottili e disponetela sopra il caramello. Ultimate versando il composto ottenuto e cuocete in forno a 180° per circa 45 minuti. Sfornate e ribaltate ancora calda sottosopra. Potete servire con crema inglese alla vaniglia oppure una pallina di gelato alla crema.

venerdì 31 maggio 2013

tagliatelle al ragù di coniglio e verdure




Era un bel pò di tempo che ed era talmente buono che mi sono sempre ripromessa di provarlo a casa e finalmente mi sono decisa a comprare un coniglio e disossarlo...aiutoooooo!!! E' difficilissimo disossare un coniglio per bene, a parte l'impressione che mi ha fatto vederlo tutto intero lì sul mio tagliere. Prossima volta me lo faccio fare direttamente dal macellaio. Comunque una volta ricavata la polpa del coniglio il gioco è fatto, il resto è una passeggiata. Per l'occasione ho voluto provare delle tagliatelle ai cereali che avevo in casa, ma voi potete tranquillamente sbizzarrirvi con qualsiasi tipo di pasta vogliate!

Ingredienti:
250 g di tagliatelle ai cereali (o normali)
1 Coniglio
Brodo Di Carne
2 Carote
1 zucchina
Olio Di Oliva Extravergine
 Pepe
 Sale
1 Scalogno
1 bicchiere di Vino Bianco

Procedimento:
Disossate il coniglio o fatevelo disossare dal macellaio e tagliate la polpa a pezzetti. Tagliate la  carcassa a  pezzi; immergetela in un litro di brodo, fate bollire per mezz'ora e filtrate. Per il ragu fate rosolare le verdure a  dadini con 4 cucchiai di olio. Unite la polpa di coniglio e fate imbiondire. Bagnate con il vino,  fatelo evaporare e cuocete a fuoco medio per mezz'ora, versando qualche mestolo di brodo bollente  poi regolate di sale e pepe.  Lessate le tagliatelle al dente in abbondante acqua bollente salata,  scolatele e ripassatele in padella con il ragu di coniglio e verdure. 

venerdì 17 maggio 2013

Panzerotti di patate salentini



Oggi vi propongo una ricetta di una specialità che preparava sempre la  mia nonnina salentina, i mitici panzerotti di patate. Ogni volta che noi cuginetti li vedevamo nel piattone era festa grande!! Vengono realizzati con purea di patate amalgamata con uova, formaggio grattugiato e l'immancabile menta che ne esalta il sapore. Queste crocchette gustosissime, possono  essere servite come antipasto, contorno e perché no anche come bocconcini per un bel buffet "Finger Food" tra amici.

Ingredienti (per 4 persone):
500 g di patate
150 g di pangrattato
40 g di formaggio pecorino
40 g di parmigiano
50 g farina
2 uova
2 cucchiai di menta tritata (prezzemolo in alternativa)
sale e pepe
olio d'oliva per friggere (circa 1 l)

Procedimento:
Sbucciate le patate e tagliatele a pezzetti, lessate le patate partendo da acqua fredda e aggiungete un cucchiaio di aceto bianco nell'acqua. Questo procedimento servirà a non far cambiare il colore delle patate e le vostre crocchette saranno anche più croccanti, versate le patate in una ciotola e passatele allo schiaccia patate. Amalgamate la purea ottenuta con metà del pangrattato (ossia circa 75 gr), la farina, le uova, i formaggi grattugiati, la menta, sale e pepe; lavorate la pasta velocemente sino ad ottenere un composto omogeneo; inumidite le mani e formate i panzerotti dando loro la forma di bastoncini affusolati alle estremità, passateli nel pangrattato e friggete in olio bollente pochi alla volta. Quelli cotti risaliranno in superficie, si mangiano caldi!







giovedì 18 aprile 2013

Tagliatelle funghi salsiccia e zucchine


Gli ultimi :-((( funghetti freschi della suocera che avevo congelato in freezer dovevo assolutamente utilizzarli per un piattino da poter degustare con delle buone tagliatelle che avevo in casa e così ho accompagnato gli ottimi funghi delle montagne altoatesine con le zucchine e la salsiccia...mi lecco ancora i baffi :-))! Ovviamente i funghi freschi misti non potrete averli in questo periodo se non congelati, comunque il piatto rende bene anche se utilizzate dei semplici champignon.

Ingredienti:


400 g di tagliatelle
200 g di funghi freschi (o champignon)

2 zucchine

2 salsicce

1 porro

80 g Parmigiano Reggiano o Grana Padano

olio extra vergine di oliva

sale

pepe nero

Procedimento:

Si fa imbiondire in olio extra vergine di oliva il porro tagliato a rondelle, si uniscono le salsicce sbriciolate, si fanno insaporire per alcuni minuti, poi si aggiungono i funghi, si fanno cuocere per 5 minuti in modo da far perdere l’acqua. Una volta scottati si unisce la zucchina tagliata a dadini, si sala e si pepa e si lascia cuocere il tutto per 5-10 minuti. Si porta l’acqua ad ebollizione e si fa cuocere la pasta per pochi minuti il tempo di farle venire a galla. Una volta cotte si scolano lasciando alcuni mestoli di acqua di cottura. Si unisce la pasta al condimento si aggiunge una manciata di formaggio grattugiato e si fa saltare per un minuto. S’impiatta si aggiunge un filo d’olio ed una manciata a piacere di formaggio grattugiato.



martedì 2 aprile 2013

Lasagne ai cavolfiori


Piú che una ricetta è un'idea...anche perchè le dosi dipendono da quello che vi piace di piú...tanta mozzarella? Tanto parmigiano? Tanti cavolfiori? Fate un po' voi, il risultato alla fine è comunque buono e fatto in quattro e quattr'otto se si utilizzano le lasagne giá pronte! Quindi è una lasagna che si può creare anche all'ultimo minuto...senza per forza aspettare la domenica quando si  ha tempo... :-)))!!! Se velete renderla più ricca e ancora più gustosa potete aggiungere la pancetta o la salsiccia...insomma, per non farsi mancare niente!!!

Ingredienti:
Lasagne
Cavolfiore bollito
Mozzarella
Parmigiano
sale
pepe

pancetta o salsiccia (facoltative)

Procedimento:
Lessare il cavolfiore e nel frattempo fare la besciamella. Unire il cavolfiore tritato (non troppo) salato e pepato alla besciamella (e volendo anche alla pancetta o salsiccia saltati in padella), comporre gli strati: lasagne, besciamella con cavolfiore, mozzarella e parmigiano fino a finire gli ingredienti.



martedì 19 marzo 2013

Le polpette pugliesi della mia nonna


Beh, che dire, con queste polpette mi si apre il cuore! La mia nonnina pugliese che non c'é più da un bel po' di anni, quando ero piccola me le preparava sempre...che delizia! Ed io nonostante la mia tenera età le degustavo anche belle piccanti, mica mi facevo problemi :-)))!!! Ogni domenica preparava questa montagna di polpettine per tutti i nipoti e sparivano in men che non si dica! L'altro giorno le ho fatte per il mio piccoletto e per noi ovviamente, ce le siamo spazzolate tutte!!!

Ingredienti:


gr. 500 di carne macinata
gr. 100 di pane grattugiato
gr.70 di parmigiano (o pecorino) grattugiato
2 uova
un mazzetto di prezzemolo
uno spicchio d'aglio
pepe nero
olio extravergine d'oliva
sale q. b.
Peperoncino macinato (facoltativo)


Preparazione

Strofinare con l'aglio il fondo di una terrina. Mettervi la carne trita, il pane e il formaggio grattugiati, le uova, il prezzemolo tritato e il pepe nero macinato fresco, aggiungere se preferite anche il peperoncino macinato. Impastare bene gli ingrdienti perchè ne risulti un composto omogeneo. Ricavarne le polpette e friggerle in abbondante olio bollente.

giovedì 28 febbraio 2013

Tagliatelle in crema di cavolfiore



Un piatto semplice, all'apparenza anche scontato ma veramente buono. La cremina che si crea con il cavolfiore ed il formaggio è gustosissima e si sposa in maniera eccellente con la pasta in genere (inutile dire che ovviamente potete usare qualsiasi tipo di pasta per questo primo). Adoro i primi con ogni tipo di verdura...se per di più facciamo fare il suo dovere al formaggio per accompagnarla direi che siamo al top :-)!

Ingredienti:un cavolfiore bianco intero
250 g di tagliatelle,
1 spicchio d'aglio
olio quanto basta
formaggio fontina (o simili) quanto basta (dipende dai gusti)
sale e pepe
parmigiano in abbondanza.

Procedimento:Lavare il cavolfiore e far cuocere le cimette nell'acqua della pasta Una volta cotto(dovrà risultare lievemente al dente) soffriggere lo spicchio d'aglio tritato in precedenza in una grande padella assieme all'olio extravergine di oliva. Aggiungervi il cavolfiore, sminuzzato con la forchetta a creare quasi una purea, continuarne la cottura aggiungendo di tanto in tanto l'acqua della pasta dovrà continuare a cuocere fin tanto che non si sarà creata quasi una crema, farci sciogliere insieme anche il fontina. Far cuocere nel frattempo le tagliatelle nell'acqua dove è stato cotto il cavolfiore. Quindi scolarle al dente, e versarle nella padella dove andrà continuata la cottura aggiungendo di tanto in tanto l'acqua della pasta.: è importante che il piatto si mantenga cremoso non troppo asciutto. Prima di servire il piatto aggiungere abbondante parmigiano grattugiato, un po di pepe nero.

mercoledì 20 febbraio 2013

Taccole alla pancetta e curry

Ecco un piatto semplicissimo, molto veloce da realizzare e di sicuro successo. Il profumo del curry trasforma il sapore di questa semplice ricetta. Non è da tanto tempo che ho scoperto le taccole dette anche piselli mangiatutto, devo dire che mi piacciono e sono anche ricche di vitamine e ferro...insomma è arrivata anche per voi l'ora di assaggiarle se già non l'avete fatto...il problema sta solo nel trovarle!

Ingredienti:
piselli mangiatutto (taccole) lesse g 400
una fetta di pancetta g 100
1 cipolla
curry
olio d'oliva
sale

Procedimento:Riducete la pancetta a bastoncini; rosolate questi ultimi in un filo d'olio, quindi unite la cipolla tagliata finemente; fateli appassire per 5', quindi aggiungete le taccole già lessate e saltate il tutto per 5' circa, a fuoco medio; salate, aromatizzate con un pizzicone di curry, mescolate e spegnete. Servite ben caldo.

giovedì 31 gennaio 2013

Maccheroncini fatti in casa e tagliatelle rustiche alla zucca salsiccia e funghi


La miglior pasta è sicuramente quella fatta in casa.Il sapore e la fragranza di un piatto fumante di pasta all'uovo non ha eguali. Per di più dilettarsi a fare la pasta fatta in casa è uno vero spasso, soprattutto se si possiede una bella impastatrice ed un torchio che permette di fare in pochissimo tempo dei maccheroncini di pasta all'uovo semplicemente divini! Ho provato la stessa ricetta, sia con i maccheroncini fatti da me (e l'aiuto non indifferente di mio marito...divertentissimo vederlo all'opera) che con delle tagliatelle squisite allo Schüttelbrot (pane di segale croccante) trovate per caso in un negozietto di Bolzano. Beh con entrambi i tipi di pasta devo dire che la ricetta rende un bel po'! E per la ricetta devo ringraziare una mia amica ...Luana che ad una cena a casa sua mi ha fatto provare questo sughetto di zucca, funghi e salsiccia direi squisito!!!

Ingredienti:
Per i maccheroncini (da fare obbligatoriamente con il torchio e la Kenwood major o simili):
300 g di farina di semola
200 g farina 00
210/230gr liqiudo ( in un "bicchiere misurino" metto due uova medie e aggiungo un po' d'acqua fino a raggiungere i 210/230 gr di liquido)
il tutto secondo me viene meglio se le uova sono a temperatura ambiente e l'acqua e' tiepida, deve risultare granuloso ma non secco,a volte la faccio solo con farina e acqua tiepida.
Per il sugo:
cipolla
zucca
salsiccia
funghi
rosmarino
sale
pepe
vino bianco
olio
Parmigiano

Procedimento:
Una volta fatta la pasta con il torchio (oppure potete usare qualsiasi tipo di pasta ovviamente), preparate il sugo. Tagliate a dadini la cipolla e fatela saltare nell'olio, quindi aggiungete i funghi, la salsiccia fate andare un po' e sfumate con il vino bianco, dopodiché aggiungete la zucca a dadini, il rosmarino, aggiustate di sale e pepe e fate cuocere finché tutti gli ingredienti hanno raggiunto la loro cottura ottimale. Lessate la pasta, conditela con il sugo preparato e una bella manciata di parmigiano...buon appetito!

martedì 22 gennaio 2013

Gnocchi al cappuccio rosso


Vi ricordate che tempo fa vi avevo postato la ricetta dei cappucci rossi affogati? Con la stessa ricetta, tritandone una parte si possono condire gli gnocchi e vi garantisco che il risultato è ottimo! L'accostamento degli gnocchi al cappuccio rosso me lo sono inventato, ed è stata una bellissima scoperta. Una buona ricetta invernale e se volete una buona spolverata di parmigiano reggiano alla fine ci sta sempre!

Ingredienti:
400 g di gnocchi
1 Cappuccio rosso
sale
olio
1 mela
1 patata
100 gr di pancetta dolce a striscioline
Parmigiano Reggiano

Procedimento:
Si prende un cappuccio rosso, lo si taglia molto sottile e lo si mette in pentola a cucinare a fuoco lento insieme a un pizzico di sale e un filo di olio, una mela piccola, una patata cruda tagliata a pezzetti e striscioline di pancetta dolce. . La cottura deve avvenire a fuoco lento nella loro acqua che rilasciano, sennò rimangono duri. Quando i cappucci sono cotti, dopo oltre un'ora, si trita metà composto, e lo si mette come base per gli gnocchi, il resto dei cappucci si fa saltare insieme agli gnocchi lessati e condire con il parmigiano.

martedì 15 gennaio 2013

Riso cantonese


Più che un classico della cucina cinese direi un classico dei nostri ristoranti cinesi qui in Italia, perchè effettivamente non sono così certa che in Cina sia così famoso come piatto. A Chinatown a New York per esempio il riso alla cantonese non l'ho trovato in nessun menù che mi sia capitato sott'occhio...mah! Resta il fatto che qui in Italia sia molto conosciuto forse proprio perché somiglia molto ad un classico riso italiano e tutti gli ingredienti sono semplici. Comunque sia che che sia effettivamente cinese o meno a me piace molto, anche se al ristorante non lo ordino mai, preferisco piatti più 'China', il riso cantonese me lo faccio a casa in poco tempo!

Ingredienti

1 cipolla media
6 cucchiai di olio di semi di arachide
250 g di piselli
125 g di prosciutto cotto a dadini
250 g riso basmati
sale
salsa di soia
3 Uova
Procedimento:
Cuocete il riso in abbondante acqua salata. Nel frattempo cuocete i piselli al vapore o in acqua e spegnete il fuoco quando saranno ancora al dente e di un bel verde brillante. Tritate la cipolla molto finemente, poi sbattete le uova in una ciotola con un pizzico di sale e aggiungete la cipolla tritata. Strapazzate le uova in un wok con due cucchiai di olio di semi, facendole cuocere molto bene. Una volta pronte trasferitele in un piatto e spezzettatele finemente con una forchetta. Ponete in una pentola due cucchiai di olio e fatevi saltare il prosciutto1 a cubetti e i piselli con un pizzico di sale per 2 minuti. Quando il riso sarà al dente, scolatelo e mettelo da parte. Dopo qualche minuto aggiungete al riso i piselli, le uova e la salsa di soia fateli saltare a fiamma bassa per 2 minuti tutti assieme. Amalgamate per bene tutti gli ingredienti e servite.

martedì 8 gennaio 2013

Biscottini all'arancia


Un nuovo biscottino che avevo preparato per Natale e che non vi avevo ancora postato è un profumatissimo biscotto all'arancia, la cui ricetta è stata presa dal mio libro preferito 'Cucinare nelle Dolomiti'. Ovviamente non dovete aspettare per forza il Natale prossimo per prepararlo, potete anche degustarlo con un bel the caldo in queste fredde giornate invernali!

Ingredienti:
200 g di burro freddo
100 g di zucchero a velo
1 scorza d'arancia grattugiata
1 pizzico di sale
1 stecca di vaniglia
2 cucchiai di liquore all'arancia
20 g di arancia candita tritata finemente
300 g di farina
75 g di mandorle macinate finemente
1 uovo

50 g di cioccolato fondente
100 g di marmellata d'arancia

Procedimento:
Impastare il burro con lo zucchero a velo, la scorza di arancia, il sale, l'estratto di vaniglia, il liquore di arancia e le arance candite. Mescolare la farina con le mandorle e impastare il tutto con il burro, alla fine ottenere un impasto liscio aggiungendo l'uovo. Avvolgere la pasta in una pellicola trasparente e farla riposare 3 ore in frigorifero. Stendere la pasta (1/2 cm di spessore) e ritagliare delle forme di biscotti e infornare a 160 gradi per 10 minuti. Far raffreddare i biscotti. Immergere la metà dei biscotti nel gioccolato fuso e farli asciugare su una grata. Spalmare la superficie dei biscotti rimasti con la marmellata di arance e ricoprirli con l'altra metà al cioccolato.