lunedì 29 novembre 2010

Perchè biologico Ci Piace!



Io riesco ad entusiasmarmi per tutto ciò di nuovo che vedo e scopro!! Tornata dalla fiera Bio non poteva passare un giorno prima che io provassi una ricetta biologica al 100%. Quindi mi sono inventata questa ricetta con la crema di riso che mi avevano regalato in fiera (si usa al posto della panna, ne ho un'altra di farro, vedrò cosa riuscirò ad inventarmi). Poi avevo giusto giusto in casa una pasta bio alle erbe venostane (ma potete usare qualsiasi pasta biologica vi passi per la mente) e delle verdure ovviamente biologiche. Ne é venuto fuori un primo gustoso, dietetico e biologico al 100%...meglio di così!!
Ingredienti (per 2 persone)
200 g di pasta biologica a vostra scelta (io ho usato quella alle erbe)
1/2 peperone rosso
1/2 peperone giallo
1/2 cipolla
1 zucchina
1 melanzana piccola
150 g di crema di riso
olio d'oliva
sale
pepe
ricotta salata
Procedimento:
Tagliare le verdure a pezzettini piccolissimi e farle saltare in olio, salare, pepare e aggiungere la crema di riso, far cucinare un po'. Intanto mettere a bollire la pasta in acqua salata e una volta pronta farla saltare insieme alle verdure. Servire con della ricotta salata.

mercoledì 24 novembre 2010

Oggi un bel brasato!

Per cucinare un buon brasato non c'é nulla da fare...bisogna avere tempo. Questa è una ricetta del week end, non certo quando siamo stressate e torniamo a casa la sera cercando di trovare qualcosa in frigo per tirar su la cena dell'ultimo minuto. Quindi armatevi di pazienza e magari anche di un bel termometro da cucina, utilissimo per misurare i gradi raggiunti dalla carne (non devono superare i 70°), in modo da essere sicure che la carne sia cotta al punto giusto e pronta da servire.


Ingredienti:
carne (cappello del prete)
farina
olio
carote
sedano
cipolla
timo
rosmarino
salvia
pomodori ramati (oppure pelati)

Per il roux
burro sciolto
farina

Procedimento:
Come carne si può utilizzare il cappello del prete, meglio lasciare un po’ di grasso in modo che la carne all’interno risulti più morbida. Legare la carne con lo spago, prima si fa un nodino per chiuderla intorno e poi si inizia a girare aiutandosi con il dito indice. Si passa poi nella farina (in modo da creare la crosticina intorno) e si mette nell’olio caldo a rosolare (cercare di non bucare la carne almeno nelle fasi iniziali). Si gira da tutte le parti per far cuocere bene e creare la crosticina ovunque. Nel sughetto che si è creato togliere un po’ di grasso con il cucchiaio. Tagliare a cubetti le verdure e le aggiungere alla carne, poi mettere le spezie, aggiungere il vino rosso e fare un po’ evaporare. Dopodichè versare il brodo (preferibilmente di carne, ma va bene anche di dado). Si fa cucinare circa 2 ore a fiamma bassa (la temperatura interna a cottura ultimata deve essere intorno ai 70°, se invece si cucina la mattina per la sera in cui si deve scaldare è sufficiente una cottura ai 60°). Se non si mangia subito bisogna coprirlo con una pellicola trasparente e poi con la carta stagnola in modo che mantenga il calore e continui a cuocere. Scolare il brodo e le passare le verdure nel passino (anche con il minipimer) facendo attenzione a togliere prima gli aromi, volendo poi si può filtrare il tutto per non lasciare pezzettini, o si possono anche lasciare a nostro piacimento. Sciogliere un po’ di farina nel burro sciolto in modo da creare il roux che andrà poi aggiunto al nostro fondo per renderlo più cremoso. Tagliare il brasato, servirlo nei piatti con il fondo creato. Accompagnarlo con un buon purè.

venerdì 19 novembre 2010

Tortino di melanzane


Oggi mi sono svegliata proprio bene, pimpante, senza il solito sonno mattutino che mi inchioda al letto ed è per questo che ho deciso di postarvi una ricetta che mi piace veramente tanto...visto il mio animo terruncello non poteva che essere un piatto a base di melanzane! Vi dirò di più...non solo melanzane...ma...melanzane fritte....ahhhhhhh goduria!!!!!! Niente dieta, niente dieta, niente dieta...oggi niente dieta! ;-))))

Ingredienti:
melanzane
mozzarella
basilico
pomodorini
parmigiano
olio
sale
pepe (facoltativo)

Procedimento:
Tagliare a cubetti le melanzane (si possono mettere anche a riposare con un po’ di sale per togliere l’amaro, poi si sciacquano e si asciugano), infarinarle e metterle a friggere nell’olio. Tagliare i pomodorini pachino, metterli in una ciotola e condirli con olio, sale, basilico e volendo anche un po’ di peperoncino, lasciarli riposare (questi serviranno solo nella parte finale per guarnizione). Tagliare a cubetti la mozzarella e metterla in una ciotola insieme alla melanzana fritta, aggiungere il parmigiano, il sale il basilico spezzettato con le mani. Assaggiare e in caso aggiustare di sale e pepe. Impastare bene con le mani tutto il composto. Mettere il composto nelle coppette di alluminio riempendole bene, ricoprendole prima di burro e pangrattato. Infornare a 175° per circa 15-20 minuti. Girare il tortino sul piatto e con attenzione fare in modo che si stacchi dalla coppetta, guarnire con i pomodorini e basilico e servire.

martedì 16 novembre 2010

Scaloppina al limone




Il classico dei classici...la scaloppina!!! Devo ammettere che a casa non le faccio spesso, perchè io prediligo le carni alla griglia in genere senza sughetti vari, ma devo dire che se fatta bene anche la scaloppina ha il suo perchè. È una ricetta semplice e velocissima, questo è l'importante! Si usa di solito la fesa di vitello, è sulla coscia, carne di primo taglio, carne saporita di cottura veloce, bisogna stare attenti alla cottura perché si rischia di asciugarla tanto, invece deve rimanere morbida.

Ingredienti:
Burro
fettine di fesa di vitello
farina
fettine di limone
acqua salata calda

Procedimento:
Battere con il batticarne le fettine di vitello. Far sciogliere il burro, e passare le fettine di fesa di vitello nella farina, metterle a friggere nel burro, girarle dopo qualche minuto con una pinza da cucina, aggiungere le fettine di limone, aggiungere l’acqua calda salata e farle cuocere un po’ (non troppo altrimenti la carne si indurisce. Accompagnarle con della verdura saltata.

giovedì 11 novembre 2010

Patate brioches

Il nome é un po' strano...però rende l'idea! Avete presente le brioches con il "tuppo", quelle classiche siciliane che si immergono nella granita alla mandorla? Ecco di quelle devono avere solo la forma, il resto è tutt'altra cosa! È una ricetta salata, a base di patate da accompagnare alla carne oppure anche mangiare come spuntino, golosa e invitante sia per la forma, sia per gli ingredienti. Il "tuppo" lo potete creare sia con la stessa pasta di patate, sia con metà pomodorino in modo da renderla più vivace. L'impasto di base è lo stesso delle patate duchessa, ma dovete aggiungerci un po' di pancetta.


Ingredienti:

1 chilo di patate

2 uova

1 tuorlo

3 manciate di parmigiano

sale

pepe

pancetta a cubetti

altro parmigiano da spolverare prima della cottura


Procedimento:

Lessate le patate e schiacciatele nello schiacciapatete, aggiungete il resto degli ingredienti e mescolate bene. Create delle palline che poi schiaccerete, con un coltello create dei tagli a 'mo di rosetta e poggiate sopra in centro una pallina di pasta di patate oppure mezzo pomodorino. Spolverate ancora con del parmigiano e infornate a 180°, cuocere finchè le patate brioches prendano un po' di colore.

martedì 9 novembre 2010

Un "concassè" di verdure



Cosí lo chiamerebbe la mia amica Claudia, ma ho scoperto che il concassè è un termine che sta ad indicare solo il pomodoro a dadini e non tutte le verdure. Ma questa parola concassè "Ci Piace!" ...allora usiamola!!! Ammetto che fino a l'altro sabato non l'avevo mai usato come termine, ma diciamo che fa molto...chic!!!


Ingredienti:

carote

patate

sedano

zucchine

olio

sale

pepe


Procedimento:

Tagliare a cubetti le carote, patate, sedano e zucchine tutte della stessa dimensione. Farle sbianchire (bollire per pochi minuti) in acqua, a fine cottura devono risultare ancora croccanti. Meglio se fate bollire le verdure una alla volta perché hanno tempi di cottura diversi. Man mano che le sbianchite mettetele in acqua e ghiaccio così bloccherete la loro cottura. Infine scolatele e saltatele in olio, conditele con sale e pepe e servite come contorno.

martedì 2 novembre 2010

Burro composto


Avete presente quando andate a mangiare fuori e vi presentano la carne con sopra quei burrini simpatici colorati? Devo dire la verità...io li scanso sempre, il sapore del burro sulla carne non é che mi faccia proprio impazzire. E mi chiedo sempre...ma perché me lo mettono sopra? Non possono appoggiarlo accanto alla carne cosi io possa decidere se farlo sciogliere o meno? No, niente...ora che mi arriva il piatto il burro si è giá un po' sciolto ed è troppo tardi...vabbè! Però i gusti sono gusti, a me non piace a qualcun altro può piacere, una cosa è certa, da vedere sono carinissimi e nel piatto fanno sempre la loro bella figura. Magari appoggiatelo vicino così il sarà il vostro ospite a decidere se farlo sciogliere o meno sulla sua carne. La ricetta di questo burro ovviamente potete farla a vostro piacere con tutte le erbe e spezie che volete, al basilico, prezzemolo se per esempio volete servirlo con il pesce. Insomma, usate tutta la fantasia che volete...senza esagerare! :-)))
Ingredienti:
burro ammorbidito
paprica dolce
rosmarino
Procedimento:
Fate ammorbidire bene il burro a temperatura ambiente (o nel microonde stando attenti a non farlo sciogliere), mescolarlo velocemente con una frusta insieme alla paprica dolce e al rosmarino tritato. Mettere il composto in un sac a poche con la bocca a stella e creare delle roselline, poggiarle direttamente sulla carta da forno. Far raffreddare in freezer e servire quando si impiatta.