mercoledì 30 marzo 2011

Coda di rospo al forno con patate


Nulla da dire, la coda di rospo (soprattutto quella al forno) è uno dei miei secondi di pesce preferiti, una gratinatura sciuè sciuè, mezz'oretta in forno e via. Unica nota dolente...il prezzo, effettivamente è un po' caruccia, però che ci volete fare, al palato non si può resistere. Ieri sera passando dalla pescheria non ho esitato...una bella coda di rospo per due (circa 500-600 gr) e via! Poi ovviamente le patate di contorno con la stessa gratinatura cotte in forno pure loro...insomma un superpiatto con il minimo sforzo! Vi do le dosi ad occhio che ho usato ieri senza star lì a misurare i grammi!


Ingredienti (per 2 persone):

1 coda di rospo da circa 600 g (fatevela pulire e magari anche tagliare in pescheria)

2 cucchiai di vino bianco

2 patate

olio d'oliva

Per la gratinatura:

2 cucchiai colmi di pangrattato

2 cucchiai colmi di parmigiano

2 cucchiai di prezzemolo tritato

3 cucchiai di olio d'oliva

sale



Procedimento:

Preparate la gratinatura mescolando bene il pangrattato, il parmigiano, il prezzemolo tritato e l'olio d'oliva. Sbucciate le patate e tagliatele fini con una mandolina. Adagiate la coda di rospo giá pulita e tagliata in forno con le fettine di patate tutte intorno. Spargete la gratinatura sia sulla coda di rospo che sulle patate, versate il vino bianco sulla coda di rospo e un filo d'olio sulle patate. Infornate a 200° per circa 25-30 minuti (comunque finchè le patate siano belle cotte).

mercoledì 23 marzo 2011

Cavolfiori in umido



Lo so, lo so...cucinare cavolfiori non è mai piacevole per via dell'odore che lasciano in casa...spero per voi abbiate una cucina separata dal soggiorno, ma se così non fosse, ogni tanto qualche sacrificio lo potete fare. Non si può sempre rinunciare a questo buonissimo ortaggio per via dell'immancabile odore che sviluppa in cottura. Io di solito mangio i cavolfiori nel modo più semplice, lessati e conditi con olio, aceto, sale e pepe e freddi...mi piacciono tanto! Ma questa volta ho voluto provare qualcosa di più elaborato...mica tanto eh? Però almeno diverso dal solito.

Ingredienti:

1 cavolfiore di medie dimensioni

pancetta affumicata a listarelle (facoltativa)

cipolla tritata

pomodorini

olive nere

olio

sale
pepe

Procedimento:

Fate scaldare l'olio aggiungete la cipolla tritata, i pomodorini tagliati in 4 parti, la pancetta (facoltativa) e fate rosolare. In precedenza avrete mondato il cavolo delle foglie esterne, lavato accuratamente e separato. Mettete i cavoli sul soffritto e mescolate. Aggiungete un po' d'acqua e fate cuocere a fiamma bassa per circa venti minuti. Sentite il sapore e aggiustate di sale e pepe a piacimento, attenzione a non far ritirare troppo l'acqua altrimenti c'é il rischio che si attacchino.

venerdì 18 marzo 2011

Risotto mascarpone e noci




Un buon risottino gustoso da preparare nelle giornate fredde (quindi manca poco tempo!!) è quello con il mascarpone e noci, più che buono direi...godurioso!!!! È sicuramente una ricetta alla portata di tutti. Dai, non pensate alla dieta e provatelo ne vale veramente la pena! Poi in primavera penseremo alla linea :-((((( Poi le noci fanno bene alla salute, cosa volete di piú??

Ingredienti (per 4 persone):
150 g di mascarpone
20 noci
320 g di riso vialone nano
brodo di carne (o di verdura)
1/2 cipolla
vino bianco
prezzemolo
parmigiano
olio

Procedimento:
Tagliate la cipolla a dadini e doratela nell'olio, fate tostare il riso e sfumate con un po' di vino bianco, aggiungete man mano il brodo. Intanto tritare le noci finemente. A metà cottura del riso aggiungetele insieme al mascarpone e continuate a far cuocere il riso, versando brodo man mano che si assorbe. A cottura ultimata unire il prezzemolo e mantecare solo con il grana, perché con il burro risulterebbe pesante.

mercoledì 9 marzo 2011

Polpettine di patate e calamari



Come promesso nel post precedente vi ho fotografato le polpettine create con il ripieno avanzato dei calamari ripieni. Quindi non abbiate paura ad eccedere un po' con il ripieno dei calamari, anzi abbondate così riuscirete a creare tante palline che passerete nel pangrattato e friggerete in olio per frittura. Saranno ottime da servire come fingerfood! Certo non penso sia il caso di creare il ripieno apposta per fare le polpettine...io le farei solo con gli avanzi dei calamari ripieni, ma se vi piacciono proprio tanto...perché no??


venerdì 4 marzo 2011

Calamari ripieni


Ma quanto è bello sperimentare varie ricette di pesce? Danno una soddisfazione che qualsiasi primo o secondo di carne non possono dare per quanto mi riguarda. A mio modesto parere cucinare il pesce è più semplice e più veloce della carne. Questa ricetta è frutto di qualche spunto preso qua e là, al quale ho voluto aggiungere del mio con le patate lesse che secondo me con il pesce ci stanno proprio bene!! La mia dolce metà ha apprezzato...speriamo piaccia anche a voi!! Ahhh...se vi avanza del ripieno, mi raccomando non buttatelo, fate delle palline, passatele nel pangrattato e friggetele...saranno un ottimo fingerfood da aperitivo. Alla prossima puntata vi spiegherò meglio!

Ingredienti:
4 calamari
2 fette di pancarrè
20 gr di parmigiano
1 uovo
olio extravergine di oliva
2 patate lesse

2 spicchi d’aglio
prezzemolo
vino bianco
sale e pepe

Procedimento:
Pulire i calamari (ma se li avete giá puliti dalla pescheria...meglio!). Tagliare i tentacoli di calamari a pezzetti molto piccoli e fateli rosolare in padella con l’olio e con uno spicchio d’ aglio. Sfumare i tentacoli con il vino, togliere lo spicchio d’aglio e aggiungere la mollica di pane che avrete fatto ammorbidire nell’acqua e avrete strizzato insieme al prezzemolo e allo spicchio d’aglio tritati, al sale e al pepe e se vi piacciono.Trasferire il composto in una ciotola aggiungere l’ uovo e il parmigiano e le due patate lesse passate nel passapatate. Mescolare fino a formare un impasto omogeneo, regolate di sale. Riempire con una siringa da dolci o con un cucchiaino i calamari per 3/4 con il ripieno. Chiudere i calamari ripieni con degli stuzzicadenti. In una padella far scaldare l’olio con uno spicchio d’aglio e far cuocere i calamari una decina di minuti girandoli di tanto in tanto. Sfumare i calamari imbottiti con il vino bianco, aggiungere il prezzemolo tritato e bucherellare delicatamente la sacca del calamaro.Far cuocere ancora un paio di minuti, quindi traferire i calamari ripieni nei piatti e servire.