lunedì 3 agosto 2009

Marmellata di prugne



Ed eccoci arrivati alla prima marmellata...una semplice semplice, quella alla prugna. Non é che le altre siano difficili, alla fine il procedimento è sempre lo stesso! La prima volta che ho fatto la marmellata mi sono detta...e? Tutto qui? Ma perché se è così semplice quasi tutti se la comprano? Poi con il fruttapec i tempi di cottura sono ridottissimi (una decina di minuti)! Il fruttapec lo consiglio a chiuque ... non è assolutamente tutta sta cosa chimica che tanti pensano e sopratutto permette di conservare più pienamente il sapore della frutta. Ho usato il fruttapec con un rapporto frutta/zucchero 2:1. Il risultato? Ottimo! La qualità di prugna è la "stanley", viola scuro e dalla forma oblunga, varietà particolarmente indicata per la realizzare la confettura.


Ingredienti:
1 kg prugne (al netto degli scarti)
500 g zucchero
1 busta di preparato a base di pectina (fruttapec 2:1)

Procedimento:
Lavare vasetti e capsule in acqua calda e sapone. Sciaquarli bene.Sterilizzare i vasetti facendoli bollire per 10 minuti in acqua. Usare capsule nuove o verificare che siano in perfetto stato. Lavare bene le prugne strofinandole sotto l'acqua corrente, farle asciugare e tagliarle in quarti (a metà, se sono piccole) eliminando il picciolo e il nocciolo. Compiere questa operazione sopra un contenitore in modo da non disperdere il succo. Pesare 1 kg di frutta pulita. Mescolare la pectina con lo zucchero e aggiungerlo alla frutta dentro una pentola piuttosto capace. Mettere la pentola su fuoco vivo, mescolando ogni tanto finché comincia a formarsi il liquido.Dal momento in cui la frutta va in forte ebollizione, calcolare 3 minuti di cottura, mescolando sempre. Spegnere quindi il fuoco e attendere un minuto, mescolando ogni tanto, per far sparire la schiuma. Versare la marmellata bollente nei vasetti. Pulire il bordo esterno con un tovagliolo inumidito. Chiuderli e capovolgerli immediatamente, lasciandoli così per almeno 5 minuti. Rimettere quindi dritti i vasetti e attendere che siano completamente freddi. Etichettarli indicando il contenuto e la data di preparazione. Riporre al fresco al riparo dalla luce. Si conserva per circa 6 mesi.

7 commenti:

  1. Bravissima!!!!!!!!!!!! deve essere davvero molto buona... Tu hai usato la pectina.. ma non era sufficente solo limone e zucchero pari alla metà del peso della frutta??? chiedo perchè a settembre vorrei farne qualcuna anche io.. ma non ho ancora capito la ricetta giusta !! hihihihi smack!

    RispondiElimina
  2. che buona, io ho provato quella di susime, mi manca questa di prugne!!! un bacione

    RispondiElimina
  3. che meraviglia , se mi li regalano la faccio anch'ìo , mia cognata ha un albero grosso!

    RispondiElimina
  4. uh che buona la marmellata di prugneeee...
    brava!

    RispondiElimina
  5. Deve essere proprio garbina! Buona serata Laura

    RispondiElimina
  6. @Claudia: ciao! Si volendo puoi farla anche senza pectina, ma i tempi di cottura aumentano di molto e poi anche il gusto e la consistenza ne guadagnano...prova!!

    @Micalea: quella di susine mi manca, grazie per la dritta!

    @Mary: Ahhhhh....beata tua cognata...si si fattele regalare!

    @Sara, Betty: grazie!

    @L'Antro dell'Alchimista: garbina?? hahhahah...mi piace questo aggettivo!

    RispondiElimina