martedì 21 febbraio 2012

Cavolfiori viola in pastella


Oggi martedì grasso dovevo per forza pubblicare qualcosa di bello grasso e fritto, ma non sono andata così sul pesante all'interno...verdura!!! Voi li avevate mai assaggiati i cavolfiori viola? Io no, mi ci sono imbattuta proprio l'altro giorno ed ero così curiosa di assaggiarli...a dir la verità mi sono sembrati molto simili a quelli bianchi, ma il colore da quel tocco in più...diciamo sono più chic :-)))! La ricetta della pastella me l'ha fornita la mia cara zietta siciliana, lavora in un ristorante in un piccolo piccolissimo piccolissimissimo paese di Sferro in provincia di Catania-Paternò, e mi dice che le verdure preparate con la sua pastella vanno a ruba...quindi da preparare assolutamente!! Non mi ha dato le quantità...lei fa tutto ad occhio, l'importante è dosare l'acqua quanto basta per fare in modo che l'impasto sia omogeneo e avvolgente.

Ingredienti:
1 cavolfiore viola (o bianco...è uguale)
farina
acqua
1 uovo
parmigiano reggiano grattuggiato
sale
pepe
prezzemolo tritato
1/2 bustina di lievito in polvere
Olio per friggere
Procedimento:
Preparare la pastella unendo tutti gli ingredienti (escluso il cavolfiore ovviamente), e regolare l'acqua in modo che l'impasto sia omogeneo e avvolgente, lasciar riposare, nel frattempo dividere il cavolfiore in cimette e scottarle in acqua salata e bollente per circa 10 minuti. Lasciar raffreddare le cimette, passarle nella pastella e friggerle in abbondante olio caldo. Servire ancora calde e croccanti.

lunedì 6 febbraio 2012

Scorzonera in fricassea


Scorzonera...la verdura dell'inverno. Dico la verità, fino a poco tempo fa non conoscevo nemmeno l'esistenza di questo ortaggio, ma è da mesi ormai che mi sono abbonata alla Biokistl, un servizio ottimo qui in Alto Adige che ti consente di ricevere settimanalmente una cassettina di frutta e verdura di stagione che ti arriva direttamente a casa. Frutta e verdura rigorosamente Bio, ma ciò che mi entusiasma particolarmente è il conoscere settimanalmente verdure nuove e di poterle cucinare in modi sempre diversi. Questo è l'esempio appunto della scorzonera...quando ho visto queste radici brutte e nere mi sono detta e con queste cosa ci faccio? Per fortuna la cassettina è accompagnata da un foglietto con qualche info e così ho scoperto come si cucina e devo dire che mi ha proprio sorpreso, l'aspetto mi aveva reso molto scettica.

Ingredienti:
700 g di scorzonera
30 g di burro
2 tuorli d'uovo
2 limoni
prezzemolo
sale

Procedimento:
Mondate e lavate la scorzonera, lessatela in abbondante acqua salata e acidulata con il succo di un limone per circa mezz'ora. Sgocciolatela, tagliatela a fettine. In un tegame scaldate il burro, unite la scorzonera e lasciate insaporire. Nel frattempo in una fondina sbattete i tuorli con il succo del secondo limone e un pò di sale. Allontanate il tegame dal fornello, incorporate i tuorli alla scorzonera, ponete di nuovo sul fuoco e mescolate sino a quando l'uovo si è morbidamente amalgamato. Spegnete, cospargete di prezzemolo tritato e servite.