venerdì 29 gennaio 2010

Spaghetti tonno e limone





Questa volta devo dire che ho un po' smarciato...ero convinta che usando il tonno fresco invece di quello in scatola il risultato poteva essere migliore, e forse in effetti potevo anche aver ragione, ma ho sbagliato i tempi di cottura, ho rosolato il tonno un po' troppo ed é diventato duretto...certo si mangiabile, ma mi aspettavo di meglio! Quindi vi consiglio con tutto il cuore o di usare il tonno sott'olio, cosí sicuramente problemi non ne avrete, oppure date una semplice scottata al tonno fresco e via. Vi informo che la ricetta originale che ho modificato a modo mio, non solo per quanto riguarda il tonno, ma anche per altri ingredienti, prevedeva proprio il tonno in scatola. Preparare questo sugo è semplicissimo, però attenzione ai tempi, fate bollire l'acqua della pasta prima così poi non rischiate come me di cuocere troppo!

Ingredienti:

200 gr. di spaghetti

1 spicchio d'aglio schiacciato

olio

peperoncino

4 filetti d'acciuga sott'olio

il succo di un limone

2 scatolette di tonno (oppure 300 g. di tonno fresco)

4-5 pomodorini



Procedimento:

In una padella fate rosolare in poco olio l'aglio un po' schiacciato con i filetti di acciuga e il peperoncino fino a che le acciughe non si siano completamente sciolte. Aggiungete i pomodorini tagliati a cubetti, fate cuocere 2 minuti, aggiungete quindi il tonno sott'olio sgocciolato e spezzettato (o il tonno fresco a cubetti), fate rosolare (se il tonno é fresco basta farlo rosolare pochissimo altrimenti diventa duro) se ce n'é bisogno bagnate con un po' di acqua di cottura. Spruzzate con il succo di limone. Scolate la pasta e unitela al sugo e fate saltare in padella per qualche minuto. Per ultimo aggiungete il prezzemolo.

lunedì 25 gennaio 2010

Vellutata di zucchine e patate


Una bella vellutata senza l'aggiunta di latte e farina é quello che ci vuole per chi ha deciso di dare un taglio ai grassi. Grazie alle patate si riesce ad avere una crema morbida senza dover per forza utilizzare latte e farina. In questa ricetta si può anche eliminare completamente l'utilizzo dell'olio, sostituendolo con poca acqua, vi verrá comunque una buona vellutata saporita.


Ingredienti:
800 gr zucchine
400 gr patate
1 cipolla
1 lt scarso di brodo (dipende dai gusti, e da che tipo di consistenza si vuole ottenere...)

olio, sale, pepe q.b.

Procedimento:

Mondare e affettare la cipolla. Pelare le patate e tagliarle a pezzetti. In una capiente padella far dorare la cipolla nell'olio (se si é a dieta potete farle cuocere anche direttamente in poca acqua). Aggiungere le patate e bagnare con metà del brodo. Cuocere per circa 15 minuti. Nel frattempo lavare e affettare le zucchine. Versarle nella padella con le patate e bagnare col restante brodo. Una volta cotte le verdure, frullarle assieme fino ad ottenere una crema morbida. Regolare di sale e pepe e servire calda.

giovedì 21 gennaio 2010

Spaghetti thai salmone e zucchine



Vi ricordate i cartoni animati giapponesi dove il protagonista di turno 'risucchiava' gli spaghetti voracemente? Ecco...l'altra sera pure io ho provato la sensazione di risucchiare gli spaghetti ...non erano giapponesi, ma thailandesi però ero immersa e concentrata nella ciotola con queste bacchette traballanti, li riscucchiavo e non finivano mai, insomma...un po' da ridere, ma il gusto mi è piaciuto molto! Il salmone fresco con le zucchine é un classico, ma se associato a salsa di soia, curry e spaghetti di riso o di soia...il gusto si trasforma completamente e avete un piatto completamente etnico.

Ingredienti:

120 g di spaghetti di riso thailandesi (o di soia...a piacere)

2 tranci di salmone

2 zucchine

1/2 cipolla

salsa di soia

curry

olio extravergine di oliva

sale


Procedimento:

Lavare bene le zucchine e tagliarle a joulienne, purire il salmone delle eventuali lische rimaste nella carne (si elimininano con l'apposita pinzetta da pesce), tagliare il salmone a cubetti e tanerlo da parte, tagliare la cipolla a cubetti. Scaldare la pentola wok con un filo d'olio, far rosolare la cipolla, unire il salmone e farlo saltare per 1 minuto, aggiungere le zucchine e rosolare il tutto per 3 o 4 minuti, aggiungere il curry. Intanto immergere gli spaghetti in abbondante acqua bollente e salata. Spegnere immediatamente il fuoco e lasciarli in immersione per 2 minuti. Scolarli e farli saltare nel wok con il sugo appena preparato, dividendoli (se serve) con un paio di forbici, aggiungere la salsa di soia (5-6 cucchiai) e far saltare per un altro minuto. Togliere dal fuoco, unire 2 cucchiai d'olio e mescolare bene

giovedì 14 gennaio 2010

Gnocco fritto modenès


Giusto per continuare a rimaner leggeri...una bella ricetta dietetica: lo gnocco fritto modenès! :-)) Avrete capito che le specialità modenesi mi fanno letteralmente impazzire, tra tigelle, turtlèn e gnocco fritto...mi manca solo la piada e poi siamo a posto, ma arriverà anche quella prima o poi! Anche questa volta la ricetta me l'ha fornita la cara Anita che in quel di Modena oramai è rinomata per le sue specialità! Lo gnocco fritto potete accompagnarlo con tutti i tipi di salumi, ma quello che io preferisco in assoluto é il prosciutto crudo Parma...il vino anche se non me ne intendo: assolutamente il Lambrusco!


Ingredienti:

1/2 chilo di farina

1/3 di un cubetto di lievito (7-10 grammi)
2 cucchiaini di sale

1 cucchiaino di zucchero

1 cucchiaio di strutto

acqua (naturale o frizzante) e latte in parti uguali q.b.
poco bicarbonato (solo se utilizzate l'acqua naturale, se utilizzate invece quella frizzante non serve)


Procedimento:

Fate sciogliere il lievito in acqua tiepida. Mescolate farina, sale, zucchero, strutto e lievito aggiungendo poco alla volta acqua(con bicarbonato se l'acqua è naturale) e latte tiepidi, circa un bicchiere, in parti uguali, fino ad ottenere un impasto morbido e consistente. Lasciate riposare l'impasto, almeno un quarto d'ora, coperto da uno strofinaccio. Tirate la pasta con il mattarello (o con la macchinetta tirapasta nr.3) fino ad ottenere una sfoglia alta circa mezzo centimetro. Ritagliate dei quadrati, o rombi o rettangoli di circa 7-10 cm per lato e bucherellateli con una forchetta. Nel frattempo avrete fatto scaldare, in una padella, abbondate olio da frittura (se volete metà olio e metá strutto). Immergete i pezzi di gnocco nell'olio e lasciateli fino a quando non si gonfiano e diventano dorati. Disponeteli su un foglio di carta da cucina per assorbire l'olio in eccesso. Servite caldi appena fatti. Accompagnateli con del buon prosciutto crudo e del Lambrusco.

lunedì 11 gennaio 2010

Lenticchie in umido



Le lenticchie di capodanno non potevano mancare, però visto che il 31 eravamo praticamente pieni come delle zampogne, ci siamo rifocillati di lenticchie l'1 gennaio a pranzo...nella speranza portino ugualmente fortuna! Una cucchiaiata però dopo mezzanotte l'abbiamo dovuta fare comunque tutti per forza...alla lenticchia non si scappa!!

Ingredienti:

250 gr. di lenticchie secche

mezzo bicchiere d'olio extra vergine d'oliva

una carota

un pezzetto di sedano

mezza cipolla

mezza scatola di polpa di pomodoro

mezzo etto di pancetta affumicata

una tazza di brodo

sale

pepe


Procedimento:
Scolate e lavate bene le lenticchie dopo averle tenute in ammollo il tempo indicato sulla confezione (o almeno 12 ore). Preparate un soffritto con l'olio, le verdure tritate e la pancetta anch'essa tritata, aggiungete le lenticchie perfettamente scolate e fate insaporire rigirando per qualche minuto; aggiungete i pomodori, e pepate a piacere, fate ancora insaporire, rigirando, coprite la pentola con un coperchio e lasciate cuocere per circa 15 minuti rigirando di tanto in tanto; aggiungete il brodo caldo fino a coprire le lenticchie. Abbassate la fiamma, e continuate la cottura per 45/60 minuti, rigirando di tanto in tanto. Alla fine controllate se è il caso di aggiungere del sale e del pepe.

giovedì 7 gennaio 2010

Pandoro al mascarpone


Una settimana di montagna a capodanno in 12...cosa abbiamo fatto??? Nient'altro che mangiare mangiare e ancora mangiare, per smaltire si... qualche camminata e ciaspolata, ma il movimento fisico in confronto alle magnate...diciamo che perde un po' di peso! Il vero peso invece è quello che abbiamo messo su in questi giorni...mannaggia!! Il dolce della Stefy è stato divorato, si è impegnata per rendere il nuovo anno dolcissimo...onore al merito...la prima ricetta dell'anno 2010 è proprio la sua!



Ingredienti:


1 pandoro

300 g di mascarpone

3 uova

2 cucchiai di zucchero (anche 3 se lo volete più dolce)

1 cucchiaino di rum

250 g di panna liquida

nutella

cioccolato fondente a scaglie


Procedimento:


Separate i tuorli dagli albumi, metteteli in una terrina e aggiungete lo zucchero. Montate i tuorli con lo zucchero, finchè non saranno diventati più chiari e spumosi. Aggiungete il mascarpone che avrete tolto dal frigo una mezz’ora prima. Amalgamate con una frusta finchè non avrete ottenuto una bella crema liscia e senza grumi. Aggiungete un cucchiaino di rum se vi piace. Montate a neve fermissima gli albumi, incorporate gli albumi al mix di mascarpone e uova, mescolando delicatamente con movimento rotatorio dal basso in alto per non far sgonfiare gli albumi. Montate a neve la panna e procedete unendo al composto come avete fatto con gli albumi. Dividete il pandoro a fette orizzontali e da ogni fetta ricavate con un bicchiere grande un tondo che metterete in una coppetta, spalmatelo di nutella e versateci su la crema al mascarpone appena preparata. I resti del pandoro tagliateli a pezzettini e distribuiteli su ogni coppetta, sopra la quale grattugerete un po' di cioccolato fondente...mettete le coppette in frigo fino al momento di servire.