sabato 28 febbraio 2009

Gulaschsuppe



Quanta neve a Bolzano quest'anno! Le slittate notturne non si fanno di certo attendere e cosa c'è di meglio di una buona e calda Gulaschsuppe in baita dopo una bella camminata per arrivare in cima alla montagna prima di scendere con le slitte? Piatto tipico e supergettonato quì in Alto Adige nei masi, ma vediamo come prepararlo in casa!



Ingredienti:

Gli stessi del gulasch
2-3 patate
acqua


Procedimento:
Non dovete far altro che attenervi alla ricetta che vi avevo già fornito del Gulasch, una volta che vi siete mangiati un pò di carne come secondo (oppure se volete evitare di mangiare il gulasch come secondo e gustarvi direttamente la zuppa, invece di 800 g di carne, usatene solo 400 g)aggiungere un pò d'acqua alla zuppa rimasta in pentola, tagliare i pezzettini di carne rimasta in cubettini più piccoli e rimettere sul fuoco. Tagliare le patate a cubetti piccoli, aggiungerle alla zuppa e far cuocere per un’altra mezz’ora, assaggiare comunque le patate per controllare se sono cotte al punto giusto. Servire nei piatti bella fumante.

mercoledì 25 febbraio 2009

Pollo con verdure al curry

E dopo un martedí grasso...arriva il mercoledì magro, beh...effettivamente in questa ricetta c'é della carne e non si potrebbe proprio il mercoledì delle ceneri! Allora facciamola domani!!! Questo un bel piattino creato da Luana che mi ha fornito la sua preziosissima ricettina del pollo con verdure al curry inventata proprio da lei, semplice e leggero...adatto per il post grasso carnevalesco!!



Ingredienti per 4 - 6 persone

1 cipolla grande
3 zucchine
3 peperoni
450 g di petto di pollo
un po’ di farina
un po’ di olio di oliva extravergine (2 - 3 cucchiai da cucina) e un po’ di acqua (oppure una noce di burro chiarificato o ghee)
2 o 3 cucchiai di curry in polvere indiano
½ limone
½ bicchiere di latte di cocco oppure 2 cucchiai di cocco disidratato bagnato in ½ bicchiere di latte
sale q.b.
75 g di riso basmati a persona come contorno


Procedimento:
Tagliare a pezzetti la cipolla, i peperoni e le zucchine. Far soffriggere in un tegame a fondo largo la cipolla nell’olio, aggiungere i peperoni e dopo un paio di minuti le zucchine. Se le verdure si asciugano, aggiungere un po’ di acqua durante la cottura. Salare quanto basta.

Tagliare il pollo in pezzi di circa 1,5 – 2 cm e infarinarlo bene. Prima che le verdure siano cotte aggiungervi il pollo, farlo cuocere un paio di minuti uniformemente, aggiungere il latte e il curry. Eventualmente aggiustare di sale. Appena il pollo risulta cotto (se il latte si asciuga troppo aggiungerne dell’altro), togliere il tegame dal fuoco e aggiungere il succo di limone e mescolare bene. Servire ben caldo insieme al riso basmati, precedentemente lessato in acqua salata, ancora tiepido.

lunedì 23 febbraio 2009

Le ciambelle di martedì grasso!



Domani è l'ultimo giorno di carnevale!! Non bisogna assolutamente festeggiare il martedì grasso senza ciambelle! Avete provato a fare la pasta dei krapfen? Bene, per fare le ciambelle potete usare la stessa identica ricetta, quindi volendo lavorare una volta sola e prendere due piccioni con una fava non dovete far altro che preparare la pasta dei krapfen, creare delle palline da 60 g l'una, farle lievitare un'ora o più. Una volta lievitate, mettere due dita all'interno delle palline e creare il buco allargando pian piano. Una volta fritte (stesso procedimento della frittura dei krapfen) si fanno passare ancora calde nello zucchero semolato miscelato alla cannella.


Ingredienti:

stessi ingredienti della pasta per i krapfen

zucchero semolato

cannella

venerdì 20 febbraio 2009

A carnevale ogni Krapfen vale!


Ebbene si...un vero e proprio corso di paste lievitate, ma quanto mi sono divertita? E soprattutto quanto ho mangiato oltre che imparato? Una delle varie prelibatezze del corso erano proprio i Krapfen...che goduria! Li abbiamo riempiti con marmellata, nutella, crema...mamma mia solo a pensarci sto male! I Krapfen che ultimamente vanno per la maggiore soprattutto a carnevale sono quelli piccolini, 30 gr di pasta invece dei canonici 60 g...in un boccone o quasi...sgnamm...finiti! Facendoli piccoli se ne possono mangiare anche due....perché two is sempre meglio che one! Non abbiate paura a farne tanti, una volta cotti potete tranquillamente congelarli e gustarveli pian piano! Buon carnevale a tutti con questi semplici e fantastici Krapfen!!

Ingredienti (dose per 40 krapfen piccoli, o 20 grandi):

500 g di farina 00
200 g di latte
30 g di lievito di birra
75 g di burro
75 g di zucchero
5 g di sale
100 g di tuorli
mezzo bicchierino di rum (o meno di mezza fialetta di aroma al rum)
scorza di 1/2 limone
1 bustina di vanillina

Olio per friggere (consigliato l'olio di palma o l'olio di cocco)
zucchero a velo

Procedimento:

Con la Kenwood chef (o altra impastatrice) mescolare farina e lievito sbriciolato. A parte far sciogliere il burro. In una terrina mescolare con un frullino latte, zucchero, sale tuorli, rum, vaniglia e limone. Aggiungere il burro sciolto al composto nella terrina e aggiungere tutto all'impasto di farina e lievito. Impastare con la frusta a gancio ben bene. Tirare su l'impasto aiutandosli con la spatola da pasticceria, infarinare il piano di lavoro e continuare ad impastare a mano. Creare una palla, incidere una croce con il coltello e far lievitare mezz'oretta in forno a 50 ° oppure circa un'ora a temperatura ambiente. Una volta lievitato l'impasto creare delle palline da 60 g (se volete fare i krapfen grandi) o da 30 g (se volete fare i krapfen piccoli). Far lievitare le palline per circa un'altra ora. Mettere in una pentola capiente l'olio e portarlo a temperatura (quando pensate sia arrivato a temperatura provate con il primo krapfen e guardate la reazione, altrimenti aspettate ancora un po'). Appoggiare i krapfen sull'olio prima dalla parte della testa (cioè dove sono più gonfi). Quando sotto prendono colore girarli con una forchetta dall'altra parte in modo che continui la cottura. Tagliare a metà i krapfen con un coltello a seghetto e riempirli a piacere con marmellata di albicocche, crema pasticcera o nutella scaldata. Distribuire lo zucchero a velo. Una volta cotti (prima di riempirli) potete anche congelarli!
Se vi avanza della pasta potete anche creare delle semplici ciambelle!!

mercoledì 18 febbraio 2009

Amatriciana d.o.c.



So che non sto svelando la ricetta del secolo...è sicuramente uno dei primi più gettonati delle famiglie italiane, però nonostante sia molto semplice è necessario stare attentissimi ad alcuni passaggi e soprattutto alla qualità dei prodotti. Nella mia vita l'amatriciana l'ho mangiata un sacco di volte, ma se devo contare il numero di volte in cui ho mangiato una Amatriciana con la A maiuscola le dita di una mano sono sicuramente sufficienti...e quelle poche volte ero proprio a Roma. Allora mi sono ripromessa che dovevo assolutamente provare a replicare i risultato, mi sono documentata e ho trovato il sito giusto (ho diminuito la quantità di pasta e ho lasciato invariato il resto degli ingredienti perchè a me piace ben condita!). Incredibile come cambia il sapore di un primo solamente cambiando la qualità dei prodotti e stando attenti ai giusti passaggi.


Ingredienti (per due persone affamate):

300 g di bucatini (o spaghetti)
100 g di guanciale di maiale tagliato ben spesso
500 g di pomodori S. Marzano ben maturi
100 g di pecorino (non troppo saporito)
1 cucchiaio di olio evo
1/2 bicchiere di vino bianco secco
peperoncino q.b.
sale q.b.

Procedimento:
Sbollentate i pomodori e passateli nell'acqua fredda, pelateli e tagliateli a filettini eliminando i semi. Tagliate il guanciale a cubettini e mettetelo in una padella con olio e peperoncino. Fate rosolare per qualche minuto, bagnate con il vino e non appena è sfumato togliete dalla padella i pezzetti di guanciale e teneteli da parte. Mettete nel fondo di cottura i pomodori, poco sale e fateli cuocere a fuoco vivace. Rimettete dopo un po' di minuti il guanciale e fate cuocere nuovamente finchè il sugo non vi sembra pronto. Nel frattempo avrete messo a cuocere la pasta, scolatela e ributtatela nella pentola ancora calda, spolveratela con metà pecorino e versateci sopra la salsa preparata ben calda. Mescolate bene la pasta e servitela passando a parte il resto del pecorino.

lunedì 16 febbraio 2009

La focaccia di Anna Moroni



E la prova del cuoco l'avete mai vista? Immagino di si!! Io purtroppo a causa degli orari non riesco mai a seguirla, ma l'altro sabato stranamente ero a casa e sono riuscita a vederne un pezzettino...giusto il tempo per tirarmi giù una ricettina facile facile che mi sono subito messa a sperimentare...devo dire niente male il risultato, soprattutto per il poco tempo investito nel farla!
Eccovi la focaccia di Anna Moroni che potete farcire come volete o gustarvela cosí, semplice e bianca!


Ingredienti:

3 uova intere

500 gr farina 00

1 bicchiere di latte

1 yogurt compatto bianco

1 cucchiaio di olio

1 cucchiaino di sale

1 cubetto di lievito

1 cucchiaio di grana


Procedimento:

Nel mixer Impastare farina e uova, poi aggiungere latte, yogurt, olio, sale, formaggio e il cubetto do lievito sbriciolato.Togliere dal mixer e continuare a impastare a mano.Quando limpasto sarà liscio e omogeneo stendere sottilmente in una teglia e lasciare lievitare per circa un'oretta e mezza. Bucherellare con la forchetta, ungere con un po' di olio (aggiungere a piacere sale grosso e rosmarino). Cuocere in forno a 200 per 20 minuti, farcire a piacere.

giovedì 12 febbraio 2009

Un dolce San Valentino


Manca pochissimo a San Valentino! Avete giá organizzato qualcosa di speciale? Non sarebbe male festeggiarlo con una cenetta romantica a lume di candela preparata magari da entrambi gli innamoratini! Invece di bere il solito caffè a fine cena, la magica atmosfera potrebbe concludersi con una buona bavarese al caffè! Se siete single niente paura...di bavaresi potrete mangiarvene quante ne vorrete, invitate gli amici single e festeggiate comunque!

Ingredienti (per 8 persone):
3 tuorli
120gr. di zucchero
250gr. di panna montata
250gr. di latte
4 fogli di colla gelatina per dolci
(10 gr) 1/2 tazzina di caffè solubile


Per guarnire:
amaretti sbriciolati, cioccolato fuso (oppure chicchi di caffé e panna montata)


Procedimento:
Mettere i fogli di gelatina in ammollo in acqua fredda. Montare la panna i mettere da parte in frigorifero. Frullare caffè solubile e zucchero in modo che diventino una polvere. Aggiungere tuorli e latte e cuocere su fuoco medio. Incorporare la gelatina ben strizzata e frullare nuovamente. Lasciare intiepidire. Una volta che il composto sarà tiepido, incorporare con delicatezza la panna montata e versare il tutto in uno stampo da bavarese o in pirottini precedentemente spennellati con liquore o olio di mandorle. Lasciare riposare in frigorifero per almeno 3 ore. Al momento di servire, capovolgere lo stampo sul piatto da portata e decorare con amaretti e cioccolato fuso (oppure a piacere chicchi d caffè o ciuffetti di panna montata).

martedì 10 febbraio 2009

Pollo impanato e grigliato!




Questa una specialità delle mie zie siciliane, che ripropongo molto spesso a casa perchè in pochissimo tempo riesco ad avere un secondo ricco e gustoso, ...buono soprattutto perchè cotto alla griglia! In 20 minuti...ma che dico...in 10 minuti...ma nooooooooo in 5 minuti tutto è pronto!!!




Ingredienti:

petto di pollo

pangrattato

parmigiano

prezzemolo

limone

olio

sale

pepe


Procedimento:


In una terrina mescolate il pangrattato con il parmigiano, il prezzemolo, il sale e il pepe. Passate prima le fettine di petto di pollo nell'olio (non troppo...se non volete esagerare bagnatevi le mani con l'olio e passatelo sulle fettine), dopodichè nel composto appena preparato in modo che sia ben ricoperto. Scaldate la griglia ben bene e fate cuocere le fettine, una spruzzata di limone e decorate con una fettina di limone su ogni bistecchina di pollo.

domenica 8 febbraio 2009

Branzino al sale


Non avete voglia di cucinare e siete pure in dieta? Le soluzioni sono due: o un bel digiuno o un branzino al sale...voi cosa scegliereste? Beh...io ho optato per la seconda, mai fatto scelta migliore. Il procedimento è facile, basta avere 1-2 chili di sale grosso a casa, prezzemolo, poco vino bianco e limone e il gioco è fatto! Versate circa 1/2 chilo di sale grosso in teglia, spolverate con un pò di prezzemolo, adagiatevi il bel branzino pulito, mettetegli qualche fetta di limone in pancia e se volete anche una spruzzata di vino bianco, spolverate poi ancora del prezzemolo e ricoprite interamente con il sale grosso. Infornate per circa 40 minuti in forno a 200°, togliete dal forno, spaccate la crosta e divoratevi il bel branzino, saporito, leggero e preparato con il minimo sforzo!

giovedì 5 febbraio 2009

Tartare di tonno


Il tonno crudo è veramente speciale, anche senza alcun condimento tagliato a cubetti è già buono di suo, l'importante è che sia freschissimissimo. La tartare di tonno si può creare in mille modi, io per l'occasione ho unito 3 ricette...insomma come una vera streghetta mi sono messa a sperimentare la pozione magica che vi svelerò!

Ingredienti (per 2 persone):
300 g di tonno fresco
succo di mezzo limone
1 cucchiaio di aceto balsamico
10 pomodorini datterini
1/2 cucchiaino di aneto
4 acciughe sott'olio
1 cucchiaio di capperi sotto sale
olio
sale
pepe
insalata valeriana per decorare
Procedimento:
Tagliare a cubettini piccoli il tonno e irrorarlo con il succo di limone, lasciarlo riposare una decina di minuti. Nel frattempo tagliare sia i pomodorini che le acciughe e aggiungerci il resto degli ingredienti. Unire il tutto al composto al tonno. Disporre sui piatti la valeriana condita e con un coppapasta disporre la tartare di tonno.

mercoledì 4 febbraio 2009

Fagottino brisée agli spinaci


La sera quando mi capita di non aver molta voglia di mettermi a spadellare, la prima cosa che mi viene in mente da poter fare è una bella torta salata, ci metto dentro un po' quello che mi capita (quello disponibile in frigo) e via...il risultato non so per quale motivo mi piace sempre. Di solito utilizzo la pasta sfoglia, ma questa volta mi è capitata per le mani la pasta brisée e devo ammettere che mi piace quasi di più, un po' più saporita.

Ingredienti:
1 rotolo di pasta brisèe
400 g di spinaci freschi
poco olio
sale
pepe
250 g di ricotta
1 tuorlo d'uovo
3 cucchiai di parmigiano
noce moscata
sesamo

Procedimento:
Lessare gli spinaci, tritarli e farli saltare in poco olio, salare e pepare. Aggiungerli al composto preparato con ricotta, uovo, parmigiano e noce moscata. Adagiare il ripieno sulla pasta brisèe e chiuderla a fagottino, distribuire il sesamo e infornare a 180° per circa 20 minuti.

lunedì 2 febbraio 2009

Torta senza burro, olio e lievito!


Avete voglia di una torta senza troppi grassi ma comunque gustosa e morbidissima? Allora questa è quella che fa al caso vostro...e mio!!! Viviana mesi fa mi aveva fornito questa ricetta: torta alle carote e mandorle, ma al tempo ero presa da mille altre ricettine, biscotti e quant'altro. Ora che è febbraio e siamo ancora in tempo di 'sacrifici' calorici post Natale e pre Carnevale, mi sembra sia arrivato il momento giusto di sperimentare questo dolce non troppo pesante. Beh, certo...zucchero e mandorle non mancano, ma per lo meno non utilizziamo ne' burro ne' olio... e mi pare giá un buon traguardo.
Ingredienti:
300 gr di carote
300 gr di mandorle tritate finemente
300 gr. di zucchero
30 gr di farina o fecola
6 uova
gocce di cioccolato fondente (a piacere)
Procedimento:
Sbucciare le carote e grattuggiarle. Porle in uno stofinaccio affinchè perdano gran parte di acqua (se necessario cambiare anche più volte lo strofinaccio). Nel frattempo tritare finemente le mandorle (o utilizzare le mandorle giá tritate finemente in busta, farina di mandorle), montare a neve fermissima gli albumi e inserirvi le carote, lo zucchero, le mandorle, la farina e le gocce di cioccolato fondente (facoltative). Montare con cura i rossi d'uovo e inserirli nel composto. Imburrare e infarinare uno stampo per torte di almeno 24 cm e metterlo in forno preriscaldato a 170° per circa 40 minuti. Lasciare poi riposare e successivamente cospargere con zucchero a velo.

domenica 1 febbraio 2009

Pasta alla salsiccia a modo mio


Un piatto semplice e gustoso, adatto per una cena informale tra amici! Una mia ricetta che di solito creo con gli ingredienti un pò a caso, ma per l'occasione mi sono impegnata a pesarli per riuscire a metter giù qualcosa di leggibile. Solitamente utilizzo i bigoli, ma questa volta ho voluto sperimentare i tagliolini...molto buoni comunque.
Ingredienti:
400 g di tagliolini (o bigoli)
300 g di salsiccia (o pasta di salsiccia)
300 g di passata di pomodoro
1/2 bicchiere di vino rosso
1 cucchiaio di olio evo
1 bicchiere di latte
1 cucchiaino di zucchero
sale
pepe
rosmarino
Procedimento:
Fate rosolare in una padella con l'olio la salsiccia precedentemente spellata e sbriciolata (o pasta di salsiccia). Quando la salsiccia è ancora morbida bagnatela con il vino, fatela evaporare, aggiungete la passata di pomodoro, il cucchiaino di zucchero, salate, pepate e fate ridurre la salsa, aggiungete un bicchiere di latte e continuate a cucinare riducendo nuovamente la salsa, aggiungete verso fine cottura il rosmarino. Intanto fate lessare i tagliolini in abbondante acqua salata e scolateli al dente, fateli saltare con la salsa preparata. Impiattate e completate con una spolverata di parmigiano grattugiato.